Martina Semino - Centro Tice

Martina Semino

Neuropsicomotricista

Formazione:

Sono Martina Semino, mi sono laureata in terapia della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva con una tesi sperimentale sull’applicazione dell’Early start Denver Model con bambini nello spettro autistico tra i 0-3 anni, presso il reparto neuropsichiatria infantile dell’ospedale G. Gaslini. Sempre durante il mio tirocinio di laurea, ho incontrato e sperimentato anche il mondo della Sindrome di Rett, e in particolare dell’associazione Airett e dunque della comunicazione aumentativa alternativa e delle tecnologie riabilitative.
Dopo la laurea le mie intenzioni erano abbastanza chiare: approfondire le conoscenze e specializzarmi nell’intervento neuro psicomotorio nell’autismo e nella sindrome di Rett.
Subito dopo la laurea ho svolto la Scuola di Comunicazione Aumentativa Alternativa presso il Centro Benedetta d’Intino di Milano. Contemporaneamente ho iniziato a lavorare come libera professionista, in uno studio privato a Genova. Da quel momento ho capito che volevo dare più ordine e precisione alla neuropsicomotricità che è troppo vasta e varia; perciò ho deciso di intraprendere il master ABA di primo livello, presso l’università di parma con project works svolto a TICE di Rubiera. Questo mi ha permesso di unire le strategie di analisi applicata del comportamento alla neuropsicomotricità, un binomio perfetto!
Ad ora lavoro come neuropsicomotricista a Tice, nella sede di Piacenza e come neuropsicomotricista supervisore presso la sede di Correggio, con i bambini ragazzi con diverse problematica di età compresa tra i 3 ai 15 anni e ad Airett, come specialista della comunicazione aumentativa alternativa relativa e dove mi occupo della ricerca e progettazione delle nuove tecnologie per la riabilitazione. Inoltre, al momento, sono una studentessa del corso di laurea magistrale Scienze E Tecniche Delle Attività Motorie Preventive e Adattate, presso l’università degli studi di Parma.

 

Il mio cambiamento? 

Unire la neuropsicomotricità alla ricerca e alle tecnologie, per renderla più uniforme, chiara usufruibile e innovativa