Al momento stai visualizzando Cosa significa “neurotipico”? Approfondiamo

Cosa significa “neurotipico”? Approfondiamo

L'importanza delle parole

Neurotipico è un termine che si riferisce a chi ha le funzioni cerebrali, i comportamenti e i processi psicologici considerati standard o tipici.
Le persone neurotipiche possono non avere idea di esserlo se l’argomento non è mai stato affrontato prima.
Potreste essere confusi sul perché la parola neurotipico debba esistere.
Considerando che significa che il vostro cervello funziona nel modo in cui la società si aspetta, potrebbe sembrare qualcosa che non ha bisogno di un nome.

Una volta compreso il concetto di neurodiversità, si capirà meglio perché la parola neurotipico è importante.

Impatto dell'essere neurotipico

Essere neurotipici è un’identità che comporta molti privilegi. Questi privilegi sono quelli a cui quelli di noi che rientrano nell’ombrello neurotipico possono pensare raramente, se non mai.
In un mondo che è impostato per il successo di certi tipi di persone, queste non hanno bisogno di riflettere sui modi in cui la società è impostata per aiutarle ad avere successo. Ecco alcuni dei privilegi che l’essere neurotipico comporta.

L'istruzione

In generale, le persone neurotipiche sono in grado di gestirsi in un sistema educativo standard. Apprendono abilità come parlare, leggere e scrivere nei momenti adeguati durante l’infanzia. Sono in grado di tenere il passo con i compagni di classe e di diplomarsi insieme a loro. Le persone neurotipiche hanno comunque punti di forza e di debolezza, come chiunque altro.
Per esempio, una persona può essere brava in matematica ma avere difficoltà con l’ortografia, o eccellere in inglese ma avere difficoltà ad imparare una seconda lingua. Le semplici sfide educative sono comuni e non significano che una persona sia neurodiversa, soprattutto se soddisfa le tappe dello sviluppo e delle capacità cognitive all’età prevista.

Socializzazione e appuntamenti

Le persone neurotipiche sono di solito in grado di socializzare e stringere relazioni con gli altri senza bisogno di aiuto. Ciò significa che l’interazione con gli altri viene loro naturale e le cose che per alcune persone neurodivergenti possono richiedere di essere apprese come abilità, come ad esempio stabilire un contatto visivo, probabilmente non fanno parte del loro mondo.

Poiché le persone neurotipiche hanno di solito discrete capacità di comunicazione, sono generalmente in grado di conoscere e fare amicizia con altre persone senza troppe difficoltà.

Inoltre, sono generalmente in grado di socializzare in ambienti che le persone neurodivergenti potrebbero trovare eccessivamente stimolanti, come un bar rumoroso o un concerto musicale.

L'occupazione

Ci sono molti usi e costumi sociali che vengono seguiti quando una persona è un membro della società, e questo vale soprattutto per il lavoro. Il modo in cui ci si rivolge a un capo, come ci si rivolge ai colleghi e come si svolgono le proprie mansioni lavorative sono solo alcuni di questi esempi.

È necessario un funzionamento e un’elaborazione cerebrale specifici per potersi amalgamare in una cultura lavorativa con altre persone.

Come essere alleati delle persone neurodivergenti

Se di recente vi siete resi conto di essere neurotipici, potreste chiedervi come potete essere alleati delle persone che non lo sono.

  • Il primo passo verso l’alleanza con le persone neurodivergenti è essere consapevoli di essere una persona neurotipica e di avere quindi dei privilegi nel nostro mondo che le persone neurodivergenti non hanno. Una volta raggiunto questo obiettivo, ecco alcune cose che potete fare.
  • Lasciare che le persone neurodivergenti parlino da sole.
    Se nella vostra vita c’è una persona neurodivergente, potreste voler difendere la sua persona. In teoria, è fantastico! In pratica, però, bisogna fare molta attenzione. Permettete alle persone neurodivergenti di parlare per se stesse.
    Se qualcuno vuole che parliate per loro in una situazione, discutete prima cosa direte e assicuratevi di rappresentare loro e il loro punto di vista, non voi e il vostro.
  • Usate un linguaggio inclusivo. È importante evitare un linguaggio abile, soprattutto quando questo linguaggio inquadra la neurodivergenza in una luce negativa. Per esempio, non chiamate qualcuno “sfigato” o “pazzo” quando intendete dire che la sua idea è “sciocca” o “stravagante”.
  • Evitate di usare le diagnosi di neurodivergenza per scherzo. Un esempio è quello di dire “sono così ossessivo-compulsivo” quando si parla di organizzare le proprie cose. Dite invece ciò che intendete veramente: “Sono molto organizzato e mi piace molto organizzare”.
  • Non chiedete lavoro emotivo. Se incontrate una persona neurodiversa, potreste essere sinceramente curiosi di conoscere la sua esperienza di vita. Tuttavia, può risultare incredibilmente invasivo e faticoso. Questo si chiama lavoro emotivo ed è estenuante ed emotivamente drenante per le persone a cui viene chiesto di farlo.
  • Cercate invece voi stessi la diagnosi o le diagnosi e rendetevi disponibili per una discussione o una conversazione senza aspettarvi che il paziente condivida con voi le sue condizioni.
  • Vi consigliamo inoltre di leggere articoli scritti da persone neurodivergenti con la stessa diagnosi o di guardare i loro video. Questo vi aiuterà a farvi un’idea più precisa di quella che è la loro esperienza di vita.

Nel prossimo articolo, si parlerà di neurodivergenza.