cane - punizione
Mirtilla immersa nel verde

Basta Kora!
Smettila Mirtilla!
No!!!
Perchè lo hai fatto!!
Non si fa!
Vieni qui subito!!

Ci sono momenti in cui il disastro è troppo grande o la pazienza troppo poca. Momenti in cui non si riesce a far finta di nulla. Giornate in cui torniamo a casa e l’ultima cosa che vorremmo fare è pulire il disastro combinato in nostra assenza. Giornate in cui vorremmo passare l’aspirapolvere senza dover sopportare l’abbaiare insistente del nostro amico a quattro zampe, infastidito dal troppo rumore. 

Il senso di colpa

E dopo averlo sgridato, arriva il senso di colpa. Alcuni cuccioli si voltano perchè non sopportano di vederci arrabbiati, altri si abbassano e ci danno la pancia. Altri ancora assumono il tipico atteggiamento da senso di colpa: occhi tristi, orecchie basse, coda in mezzo alle gambe, schiena curva e testa inclinata.

Il cane non impara con la punizione

relazione cane
Kora è stata sgridata ed è offesa

Quando un cane viene sgridato, la maggior parte delle volte gira il muso da una parte e sembra proprio che stia manifestando tutto il suo dispiacere per il fatto di averci fatto arrabbiare. Kora lo fa spesso, quando viene sgridata gira il muso da una parte, abbassando lo sguardo. 

Gli educatori cinofili spiegano che questo comportamento ha una sua funzione. Voltare il muso e lo sguardo da una parte evitando il nostro contatto visivo, serve proprio a farci capire le sue intenzioni pacifiche. 

Insomma, il cane ci prova sempre a farci capire come comportarci con lui. 

Quando sgridiamo il cane, ci è subito chiaro che non ha gli strumenti per capire il collegamento tra la nostra rabbia e il cuscino rotto. Il nostro cane non capisce che l’aspirapolvere non ci fa nulla di male. Il suo abbaiare forte cercando di morderlo è proprio perché vuole proteggerci. E non capisce che se ci arrabbiamo, è perchè non vogliamo che lui lo faccia.

Al nostro amico a quattro zampe arriva forte la nostra emozione, un’energia instabile ed eccitata, ma non riesce a collegarla ad un fatto. Soprattutto se questo fatto è capitato durante la giornata, molto lontano dalla nostra sfuriata. 

Il nostro cane potrebbe anche imparare da noi questa aggressività.
Ma nonostante sappiamo tutto questo, chi non ha mai sgridato il proprio cucciolo? Può capitare, fa parte dell’esperienza di crescita con un cucciolo in casa. Quando lo accogliamo in famiglia sappiamo che sarà necessario un periodo di assestamento e anche quando sarà più grande ci saranno cose che ci faranno arrabbiare e infastidire. 

Le nostre emozioni

Sentirsi frustrati, arrabbiati e innervositi quando ci troviamo di fronte ad un disastro combinato dal nostro cane è normale e assolutamente comprensibile. 

Proviamo a fare un respiro profondo, cambiamo stanza, facciamoci una doccia, usciamo a fare una passeggiata. Siamo la cosa più importante della vita del nostro cane e se gli vogliamo insegnare che quel comportamento non va ripetuto, usiamo il rinforzo positivo con i comportamenti che desideriamo!  

Ilaria Torelli | Coordinatore sede Tice Correggio Piacenza

Ilaria Torelli
Psicologa, Master ABA, Master in Neuropsicomotricità

Si occupa di progettare e coordinare interventi a carattere riabilitativo per bambini di età prescolare e scolare con disturbi del Neurosviluppo e Disturbi specifici dell’Apprendimento nella sede di Tice Correggio e  progetta interventi di carattere formativo/educativo in ambito psicomotorio.
Se hai delle domande, scrivi a Ilaria Torelli